Nuove regole per i direttori generali: La giunta regionale rivede le procedure

  La Giunta regionale, su proposta dell’assessora degli Affari generali, personale e riforma della regione, Mariaelena Motzo, ha approvato oggi la delibera che riguarda l'atto di indirizzo interpretativo per le procedure di nomina dei direttori generali, modificando le lettere c e d della delibera 30/1 del 2023. Un classico esempio di burocrazia infinita che tenta di reinventarsi, ma alla fine sembra solo voler cambiare l'etichetta sulla stessa bottiglia. In dettaglio, la “lettera c” impone che gli uffici della direzione generale del personale e riforma della regione debbano gestire l'istruttoria delle candidature per la nomina dei direttori generali. In altre parole, il lavoro sporco spetta a loro, mentre i piani alti possono continuare a fare salotti e chiacchiere. 

  La “lettera d” stabilisce che l'organo politico competente proporrà uno dei candidati che hanno dichiarato il possesso dei requisiti di ammissione, basandosi sulle capacità professionali indicate nel curriculum. Si dice così, ma alla fine sappiamo tutti come funziona: la politica mette il timbro e il gioco è fatto. Sulla proposta dell’assessore competente, il segretario generale verificherà i requisiti generali del candidato in base alla normativa vigente. Un'altra carica per dire che qualcuno deve fare da notaio alle scelte dei vertici. Le funzioni di direttore generale saranno conferite con decreto dell'assessore degli Affari generali, personale e riforma della Regione, previa conforme deliberazione della Giunta regionale. Un giro di valzer amministrativo che sembra più un gioco delle tre carte.

  “Questa delibera – specifica l’assessora Motzo – si è resa necessaria per rendere la procedura il più possibile snella, ma allo stesso tempo efficace e trasparente. L'obiettivo della Giunta è quello di avere nell'Amministrazione regionale il meglio nelle direzioni generali al fine di poter lavorare con efficacia, efficienza ed economicità. Vogliamo inoltre evidenziare – conclude l’esponente dell’Esecutivo – una linea di rottura rispetto al passato, esprimendo il meglio per l'Amministrazione regionale”. Si sente sempre parlare di trasparenza e efficienza, ma la realtà è che spesso si tratta solo di riempire di burocrazia nuove burocrazie. Forse sarebbe il caso di smetterla con le dichiarazioni altisonanti e iniziare a vedere dei risultati concreti. Ma questo, si sa, è chiedere troppo.

Cronaca

Tragedia sulla SS 125: Muore centauro di 54 anni
  Nel territorio di Urzulei, lungo la SS 125, si è verificato un tragico incidente che ha causato la morte di un centauro di 54 anni. L'uomo è stato sbalzato dalla moto dopo un violento urto con un autoveicolo. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime. Immediatamente dalla centrale è stato attivato Echo Lima 3, l'elisoccorso dell'Ar...

Alghero: Arrestati due truffatori di origine campana
  Nel pomeriggio di venerdì, i Carabinieri della Compagnia di Alghero hanno arrestato in flagrante due individui di origine campana: un uomo di 53 anni e una donna di 23 anni. I due sono accusati di aver orchestrato una truffa ai danni di un'anziana signora di 73 anni. Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, in tarda mattinata i...

Incendi in Sardegna: Un intervento aereo per spegnere le fiamme a Pimentel
  Ieri, in Sardegna, il fuoco ha imperversato con quattro incendi sul territorio regionale. Tra questi, uno ha richiesto l'intervento aereo del Corpo Forestale, evidenziando ancora una volta l'incapacità delle istituzioni di prevenire e gestire efficacemente le emergenze ambientali. L'incendio più significativo si è verificato nel comune di...

Allevatori sardi fortemente penalizzati dalle regole PAC: Un disastro annunciato
  Le regole della Politica Agricola Comune (PAC) 2023/2027 si rivelano un autentico massacro per gli allevatori sardi. A causa di una norma mal concepita e applicata attraverso il portale Classy Farm, migliaia di aziende di allevamento ovino, caprino e bovino in Sardegna perderanno circa 30 milioni di euro di aiuti PAC per il 2023. Questo disa...

Chi è Carlo Acutis, il Beato morto a 15 anni che diventerà Santo
  Carlo Acutis è stato un giovane italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica. Nato a Londra il 3 maggio 1991, Carlo Acutis ha trascorso gran parte della sua breve vita a Milano. La sua storia è straordinaria e ispiratrice. Il Beato Carlo Acutis diventerà Santo: è quanto annunciato dalla sala stampa vaticana a seguito dell’autorizz...