Da lunedì apre il più grande centro psichiatrico della Sardegna

  Apre lunedì prossimo 4 dicembre a Sestu, nella città metropolitana di Cagliari. Realizzato in poco più di sei mesi dalla società Paracelso Riabilitazione in località More Corraxe, la nuova struttura psichiatrica, con 32 posti residenziali e 40 diurni, risponde a esigenze e sollecitazioni che arrivano da ogni parte dell’isola in un territorio nel quale c'è un estremo bisogno di potenziare l'assistenza sanitaria per i tanti pazienti che soffrono di patologie mentali. 

  Per i pazienti, per le famiglie - L’obiettivo del Centro è garantire un servizio all'avanguardia e un'assistenza riabilitativa in grado di alleviare il più possibile non solo il disagio di chi soffre di malattie psichiatriche, ma anche le difficoltà quotidianamente affrontate dai familiari, spesso in solitudine. La struttura, realizzata dalla società privata guidata dall’amministratore delegato Marco Isola, è già accreditata dalla Regione, convenzionata col Sistema Sanitario Regionale, in questa prima fase, per 16 residenziali e 20 semiresidenziali, già pronta ad accogliere gli utenti. Il Centro, che sarà diretto dallo psichiatra Luigi Croce, docente dell'Università Cattolica di Brescia e Piacenza, garantisce una gestione delle patologie psichiatriche all'avanguardia in Italia e all'estero, con particolare attenzione al rapporto fra malattia e qualità della vita. La missione sociale del Centro - Il Centro accoglierà pazienti con bisogni complessi di tipo clinico, psicosociale e riabilitativo per i quali si rendono necessari interventi, trattamenti, assistenza e sostegni orientati al miglioramento della qualità di vita, al recupero della partecipazione e del ruolo sociale, alla vita autonoma e indipendente, in ambienti accoglienti, sicuri e proattivi nel rispetto dei diritti umani, in stretta collaborazione con il dipartimento di salute mentale e con il territorio. 

  Una struttura che si pone una vera e propria missione sociale: migliorare la qualità della vita, sostenere una vita di qualità e di significato. E ancora, facilitare il funzionamento personale e la capacità di adattamento negli ambienti di vita, di occupazione, sociali e relazionali di persone con disabilità mentali, attraverso il loro coinvolgimento attivo, un approccio fondato sul modello dei sostegni multiprofessionali integrati, nel rispetto dei diritti umani e in stretta collaborazione con le famiglie dei pazienti. 

  Gli obiettivi dei trattamenti - Gli interventi, i trattamenti, i sostegni clinici, psicologici, educativi, riabilitativi, sociali ed assistenziali sono finalizzati ad assicurare la presa in carico della persona sostenendone il progetto di vita e la sua realizzazione attraverso il piano personalizzato e partecipato dei sostegni, migliorare il funzionamento personale, relazionale e sociale, recuperare e praticare le abilità cognitive, emotive e relazionali di base, agire sui fattori ambientali personalizzando l’intervento clinico, psicosociale, riabilitativo educativo, sociale e assistenziale, favorire la partecipazione sociale e l’inclusione dell’utente nella comunità e nel territorio, sostenere la famiglia del soggetto valorizzandone le competenze educative, assicurare la continuità della presa in carico e della cura con il Dipartimento di Salute Mentale Piani personalizzati e condivisi - Nel Centro, per ogni utente vengono elaborati e verificati semestralmente, o secondo le necessità dall’équipe multidisciplinare che si tiene ogni settimana, i progetti individualizzati e la pianificazione degli interventi, che vengono formulati da un’équipe multiprofessionale e sottoposti a utenti e familiari per la discussione e la condivisione. 

  Scopo di questi incontri è anche quello di coinvolgere i familiari nel programma e offrire loro una rilevante, costante e significativa informazione relativa alle tecniche ed alle metodologie cliniche, riabilitative, educative e psicosociali utilizzate al Centro.

Cronaca

Anziani nel mirino: la Polizia locale di Sassari scende in campo contro le truffe
  A Sassari si è scatenata una vera e propria caccia al truffatore. E chi meglio della Polizia Locale può mettersi a capo di questa crociata? Martedì 5 marzo, alle ore 17, il Dipartimento di Agraria dell'Università di Sassari si trasformerà in un fortino contro l'inganno, ospitando un incontro di vitale importanza organizzato dalla Polizia Loc...

Il caos dei monopattini elettrici in giro per Cagliari
  Per me si va nella città dolente, per me si va nell’etterno dolore, Per me si va tra la perduta gente. Queste sono le parole che chiunque si accingeva a visitare l’inferno dantesco, leggeva sulla porta.   Oggi, queste stesse parole potrebbero applicarsi tranquillamente in qualunque portone d’ingresso, per esse...

AOU Sassari: Il primo soccorso si impara a scuola
  Nel contesto sempre più attento all'emergenza e all'urgenza, le istituzioni scolastiche emergono come luoghi privilegiati per promuovere la consapevolezza e l'educazione alla salute. Il progetto "Basi di primo soccorso tra i banchi di scuola", ideato e organizzato dal personale medico e infermieristico della Medicina d’Urgenza dell’Azienda o...

Conte in Sardegna: "Pronti ad un reddito di cittadinanza a livello regionale"
  La recente affermazione di Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 Stelle (M5S), sul rafforzamento del reddito di cittadinanza, in particolare con l'introduzione di una versione regionale in Sardegna, segna un momento significativo nel dibattito socio-economico italiano. Dopo la vittoria in Sardegna, Conte ha dichiarato a "Diritto e Rovescio"...

La corte costituzionale approva la legge regionale sulla medicina generale
  In un'importante decisione, la Corte Costituzionale ha dichiarato “Non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 1, della legge della Regione Sardegna 5 maggio 2023, n. 5 (Disposizioni urgenti in materia di assistenza primaria)”. Con la sentenza 26/2024 depositata il 27 febbraio, il ricorso presentato dal Consigli...

Cagliari è un'odissea di buche - Solo nel mese di gennaio chiuse 424
  A Cagliari, pare che il Comune abbia deciso di giocare a un nuovo, entusiasmante gioco: "Chi chiude più buche vince". Ebbene, a gennaio 2024, la Global Service si è aggiudicata il primo premio con la chiusura di ben 424 buche stradali solo a gennaio.   Ma non è tutto: nel fervente spirito di innovazione, sono stati tr...

Denuncia shock all'ospedale Brotzu: "Abusato da un infermiere"
  Un fatto gravissimo emerge dalle mura dell'ospedale Brotzu di Cagliari, scuotendo profondamente la comunità locale e quella sanitaria nazionale. Un giovane, vittima di un incidente stradale che lo ha lasciato con fratture e lesioni, ha lanciato un'accusa terribile: «Abusato sessualmente da un infermiere mentre ero bloccato, e dolorante, in u...