Comunali a Sassari: Mascia, "candidatura plurale e unitaria"

  Il centrosinistra si presenta con 10 liste e cerca altri alleati "La nostra candidatura è plurale, unitaria, collegiale. È un trait d'union fra la precedente classe dirigente e una nuova generazione che impegna tutte e tutti verso il governo della città". Nella sede del Pd sassarese Giuseppe Mascia parla da sindaco in pectore per tutta la coalizione del centrosinistra, che questa mattina, presentando il suo candidato per la corsa a Palazzo Ducale, ha voluto dare una prova di compattezza, in linea con la vittoria alle elezioni regionali. 

  Non per nulla nella angusta sala al secondo piano del quartier generale di via Mazzini tutte le sedie sono occupate e spicca la presenza dei big della coalizione: ci sono quattro neo assessori regionali, la pentastellata Desirè Manca (Lavoro), l'esponente di Orizzonte Comune Franco Cuccureddu (Turismo), il progressista Gianfranco Satta (Agricoltura) e Antonio Piu (Lavori pubblici) di Avs. Non passano inosservati anche i pezzi pesanti del Pd, dal segretario e neo presidente del Consiglio regionale, Piero Comandini, al deputato Silvio Lai, Luigi Lotto, Francesca Fantato, Gavino Manca, la consigliera regionale Carla Fundoni e il senatore Ettore Licheri per il M5s. 

  Spicca però il grande assente, Gianfranco Ganau: tre giorni fa, ritirando la sua proposta di candidatura "per il bene della città" ha dato la benedizione a Mascia, ma oggi in via Mazzini non si è visto. "Noi guardiamo avanti - proclama Mascia - La nostra candidatura arriva dalla spinta della vittoria alle regionali e vuole rappresentare l'esigenza di nuove energie, nuovi occhi con cui guardare l'azione politica e l'impegno nella cosa pubblica. Ci sono le leve per arrivare ad una città che sappia pensarsi come città metropolitana". Impegno che da qui al 10 maggio, termine ultimo per la presentazione delle liste, si concentrerà nel cercare di ampliare il campo largo provando a includere nell'alleanza la Costituente per Sassari, il movimento civico creato dall'ex giudice Mariano Brianda, già candidato sindaco per il centrosinistra 5 anni fa, sconfitto al ballottaggio da Nanni Campus.

  "La candidatura di Giuseppe Mascia a Sassari, dopo quello di Massimo Zedda a Cagliari, è un altro tassello importante per il campo progressista. La scelta di Giuseppe è stata plurale, unitaria, collegiale". Così la presidente della Regione e guida del campo largo in Sardegna, Alessandra Todde, sulla scelta del candidato sindaco della coalizione alle prossime amministrative per il Comune di Sassari. "Sono orgogliosa - sottolinea - che in Sardegna la nostra coalizione, dopo la vittoria dello scorso 25 febbraio, continui a presentarsi unita, confermando la volontà di essere una seria e credibile alternativa al centrodestra. Il campo progressista, come ribadito più volte, si presenta orgogliosamente unito quando si condividono idee e valori e si costruisce insieme un programma coerente per i cittadini". La neo governatrice augura "a Giuseppe un grande in bocca al lupo".

Politica

Alghero, fallimento del sindaco: il centrodestra è pronto a governare
  Chiarezza è fatta, ma dopo mesi di poco dignitosi tentativi di spaccare la coalizione di centrodestra messi in atto dal sindaco. Adesso le operazioni di dannosa e confusa prestidigitazione politica sono miseramente fallite. Da oggi, come nella celebre fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen, il re è nudo! 

Fratelli d'Italia Alghero prende le distanze dal sindaco Mario Conoci
  Il coordinatore cittadino di Alghero di Fratelli d’Italia Marco Di Gangi, insieme al coordinatore provinciale Onorevole Barbara Polo intervengono con la presente nota per chiarire la natura dei rapporti del partito con l’attuale sindaco di Alghero Mario Conoci. “Da parte di numerosi iscritti, alcuni dei quali candidati alle prossime elez...

Alghero: La politica del Palatenda e le contraddizioni di Daga
  La politica in Italia non smette mai di sorprenderci, ma a volte riesce a farlo in modo talmente bizzarro da sembrare impossibile. Ecco il caso della campagna elettorale del centrodestra ad Alghero, che punta sullo straordinario progetto di un palatenda per eventi.  Quando l’ho sentito per la prima volta, ho pensato ...

Alghero: La campagna elettorale tra schiaffi, pugni e alghe
  Una campagna elettorale da schiaffi. Il Vate Riformatore dice la sua: "La città ha bisogno di tutto". TheBest si risente e dice: "Bla bla bla, non lo puoi dire solo tu, lasciane un po' anche a noi".   I piccoli balilla fanno inferocire l'orizzonte e la sua truppa: "non dateci dei profughi, dei transfughi, dei gr...

Cagliari: Andiamo oltre. Città futura. Idee e progetti per un nuovo inizio
  Massimo Zedda, candidato sindaco del campo largo alle prossime comunali, ha presentato questa mattina il progetto "Andiamo oltre" per una Cagliari sostenibile del futuro, con idee e bozze preparatorie del piano urbanistico comunale. La bozza del piano urbanistico comunale presenta diverse novità, tra cui numerosi percorsi navigabili e cic...

Patto per Alghero, la città mai più in questo stato!
  Non si era mai vista Alghero in questo stato di degrado. La città, all’avvio della stagione turistica, è sporca e trascurata. Le spiagge non sono pulite, le strade non vengono spazzate, i cestini non vengono svuotati e interi quartieri sono dimenticati. Esattamente l'opposto del modello che Patto per Alghero vuole per la città. Purtroppo ...