La verità sul lifting: Sfatare i miti e comprenderne i benefici

  Il lifting facciale, conosciuto anche come ritidectomia, è un intervento chirurgico che mira al ringiovanimento del volto, restituendo alla pelle la sua naturale elasticità e definizione perdute con il passare del tempo. Negli ultimi anni, questo trattamento ha visto un incremento significativo nella sua popolarità, con un aumento del 35.8% per quanto riguarda i facelift a livello mondiale e un sorprendente 77.6% per i lifting del collo, secondo i dati forniti dall'International Society of Aesthetic Plastic Surgery (ISAPS). 

  Contrariamente alle percezioni precedenti, che associavano il lifting a risultati innaturali e a un'opzione esclusiva per età avanzate, le moderne tecniche e conoscenze hanno trasformato questa procedura in una soluzione efficace per combattere i segni del tempo, offrendo risultati naturali e duraturi. Secondo il professore Raffaele Rauso, esperto nel campo della chirurgia plastica, l'intervento si rivela particolarmente vantaggioso quando eseguito in una fase precoce dell'invecchiamento, idealmente attorno ai 45 anni, per sfruttare l'elasticità residua della pelle e ottenere un effetto più naturale e duraturo. Il successo e la soddisfazione derivanti da un lifting non dipendono unicamente dall'età del paziente o dalla tecnica utilizzata, ma anche da un'attenta gestione post-operatoria e da uno stile di vita sano. La cura della pelle, l'evitare esposizione eccessiva al sole, il non fumare, e una dieta equilibrata, insieme alla pratica regolare di attività fisica, sono elementi chiave per prolungare i benefici dell'intervento. 

  Tuttavia, è fondamentale sottolineare che il lifting non offre una soluzione permanente all'invecchiamento. La pelle continuerà il suo processo naturale di invecchiamento anche dopo l'intervento. Il professor Rauso sottolinea l'importanza di trattamenti complementari, come il resurfacing cutaneo o l'utilizzo di filler e botulino, per mantenere e prolungare i risultati ottenuti con il lifting. Uno degli aspetti più temuti del lifting è il periodo di recupero e la possibile evidenza di cicatrici. Le moderne tecniche chirurgiche, in particolare il deep-plane lifting, offrono tempi di recupero relativamente brevi e cicatrici quasi invisibili, posizionate strategicamente in aree nascoste come dietro le orecchie o tra i capelli.

  La scelta di sottoporsi a un lifting dovrebbe essere ponderata attentamente, considerando non solo i benefici estetici ma anche gli aspetti relativi al recupero e alla cura post-operatoria. La consultazione con un chirurgo plastico esperto e qualificato, come il professor Rauso, è essenziale per garantire risultati soddisfacenti e minimizzare i rischi associati a questa procedura. Il lifting, se eseguito correttamente e in maniera informata, può offrire un significativo ringiovanimento facciale, migliorando la qualità di vita e l'autostima dei pazienti.

Salute

La gestione del disturbo narcisistico di personalità: Un percorso di psicoterapia
  Il trattamento del Disturbo Narcisistico di Personalità (NPD) si basa fondamentalmente sulla psicoterapia, poiché non esistono farmaci specifici per questa condizione. La chiave per chi soffre di questo disturbo è cercare attivamente aiuto, un passo che può risultare complesso ma essenziale per avviare un percorso di guarigione. 

Salute renale tema dell’evento Flavis al Lazzaretto di Cagliari
Sabato 9 marzo, al Lazzaretto di Cagliari, a cura dell’Accademia del Buon Gusto, si è svolto un laboratorio culinario promosso dalla Flavis, indirizzato ai pazienti in cura per malattie croniche renali.  All’evento è stata protagonista la cucina aproteica, di cui la Flavis cura una vasta gamma di prodotti, cucinati e/o comb...

L'Obesità in Sardegna: Uno sguardo approfondito sulla salute pubblica
  L'obesità è una delle patologie più preoccupanti del nostro tempo, rappresentando non solo un problema di salute individuale ma anche una sfida per la sanità pubblica. In Sardegna, l'attenzione su questo tema è alta, come dimostrano i dati forniti dall'Azienda Ospedaliero Universitaria (AOU) di Cagliari. Questi numeri gettano luce su una rea...

Decenni di eccellenza: Il contributo del Dott. Romualdo Nieddu alla ginecologia e oltre
  Sono tanti 38 anni al servizio del S.S.N. Il Dott. Romualdo Nieddu, nel campo ginecologico, ha accumulato un’esperienza non facilmente eguagliabile. Si è perfezionato anche in diagnostica ad ultrasuoni in ostetricia ed inoltre è esperto in diagnosi e terapia della vestibolodinia e vulvodinia, adenomiosi ed endometriosi, terapia con ormoni bi...

Malattia X: La prossima pandemia secondo l'OMS
  L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha sollevato il velo su un argomento che suscita tanto interesse quanto apprensione: la malattia X. Nel suo report del 2017, l'OMS ha identificato una serie di patologie capaci di scatenare crisi sanitarie globali, sottolineando l'importanza di essere preparati per fronteggiare l'ignoto. 

I nemici invisibili del cuore nell'era moderna: Oltre i fattori tradizionali
  In un'epoca contrassegnata da progressi tecnologici e cambiamenti ambientali rapidi, i nemici del cuore si vestono di nuove vesti, più insidiose e meno tangibili. Uno studio condotto dalla Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs-Università Cattolica, e pubblicato su European Heart Journal, rivela come i nuovi fattori di rischio...

L'acqua del rubinetto e i calcoli renali: Un mito da sfatare
  Circola spesso l'idea che l'acqua del rubinetto, ricca di sali di calcio e magnesio, possa favorire la formazione di calcoli renali. Questa preoccupazione nasce dalla composizione dei calcoli stessi, spesso costituiti da calcio, e dalla presunta correlazione con l'acqua potabile domestica. Tuttavia, esperti e studi scientifici smentiscono qu...

Le onde elettromagnetiche fanno davvero così male?
  Gli ultimi decenni hanno visto un aumento senza precedenti di apparecchi e dispositivi che generano campi elettromagnetici. Questa diffusione ha generato preoccupazioni per i possibili rischi per la salute connessi al loro uso. Molti studi sono stati fatti sulla possibilità che l’esposizione a questi campi possa essere dannosa, ma i risultat...

La Sardegna affronta l'epidemia di sovrappeso e obesità: Un sardo su dieci colpito
  In Sardegna, terra di centenari e di una dieta mediterranea che il mondo ci invidia, si nasconde un paradosso amaro: un sardo su dieci è obeso, e più della metà della popolazione adulta lotta con il sovrappeso. I dati più recenti, che sembrano stridere con l'immagine idilliaca dell'isola, rivelano una realtà preoccupante: il 51,8% degli uomi...