Editoriale: L'invasione silenziosa della Sardegna

  Nella calura di un'estate che si preannuncia rovente non solo per le temperature, ma anche per le polemiche che si addensano all'orizzonte, si torna a parlare della Sardegna. Questa volta, il pretesto è la decarbonizzazione, bandiera sotto cui sventolano gli interessi dei grandi produttori di energia elettrica. 

  Lo scorso 3 luglio, il Bollettino Regionale ha pubblicato una norma che impone un blocco di 18 mesi alle nuove installazioni di impianti rinnovabili sull'isola. Una decisione che ha fatto sobbalzare non pochi operatori del settore, spingendo i principali produttori a chiedere l'intervento del Governo per impugnare il provvedimento. Tra i sostenitori della richiesta emerge la voce autorevole del Ministro Pichetto, che in passato aveva già sollevato dubbi sulla costituzionalità di una tale norma, specialmente in relazione al blocco di progetti già ufficialmente autorizzati. L'alleanza per il fotovoltaico, dal canto suo, avverte che il tempo è ormai agli sgoccioli. Secondo loro, il blocco non farebbe altro che soffocare i processi di decarbonizzazione dell'isola, un passo indietro rispetto agli obiettivi di sostenibilità e riduzione delle emissioni di CO2. 

  Ma è davvero solo questo il cuore del problema? Non si può ignorare come, dietro il manto verde delle rinnovabili, si nasconda l'ennesima invasione. Un'invasione non fatta di soldati o coloni, ma di pale eoliche e pannelli solari. Una colonizzazione energetica che rischia di trasformare il paesaggio sardo, di sopraffare la sua identità con l'imposizione di modelli esterni. Da una parte, c'è chi vede in queste installazioni una minaccia al territorio, un'ennesima aggressione alle bellezze naturali e alla cultura locale. 

  Dall'altra, ci sono coloro che vedono nelle rinnovabili un'occasione di progresso, una strada obbligata per un futuro più sostenibile. Il dibattito è acceso e le posizioni sono ferme. È compito della politica trovare un equilibrio tra sviluppo e tutela del territorio, tra modernità e tradizione. Quello che è certo è che la Sardegna, ancora una volta, si trova al centro di una partita più grande di lei, dove gli interessi economici si intrecciano con quelli ambientali, in un nodo che non sarà facile sciogliere.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...