Calenda a Sassari: Soru, la scelta migliore contro la politica dei calcoli

  A Sassari, sotto un cielo che sembra osservare con curiosità l'evolversi della scena politica, Carlo Calenda, guida di Azione, ha lanciato il suo dado nella partita delle regionali sarde. E lo fa con una dichiarazione che non lascia spazio a interpretazioni ambigue: "Renato Soru è il candidato migliore, è capace, è quello che conosce meglio la Sardegna, è l'unico che viene dalla Sardegna, gli altri sono stati decisi a Roma sulla base di incroci nazionali". Parole chiare, nette, che suonano come un manifesto politico in un panorama caratterizzato da divisioni e calcoli elettorali. Calenda, nel corso di un incontro che ha visto la presenza dell'ex governatore Soru e di Federico Pizzarotti, presidente nazionale di +Europa, non ha risparmiato critiche alla situazione di frammentazione che vive il centrosinistra, imputando al Movimento 5 Stelle una responsabilità non indifferente.

  "A queste elezioni il centrosinistra si presenta diviso perché il Movimento 5 stelle, che comanda la coalizione, non ha accolto l'invito a fare un passo indietro per trovare un candidato terzo e quindi oggi noi sosteniamo Renato Soru, la persona più capace", ha precisato l'ex ministro, con un tono che non ammette repliche. La questione del voto utile viene poi affrontata e smontata da Calenda con la precisione di chi ha visto troppo spesso questa retorica svuotarsi di significato una volta al potere: "Sono 30 anni che si parla di voto utile e alla fine è risultato la cosa più inutile che esista". La sua è una critica non solo alla tattica elettorale ma alla stessa concezione di politica come mero calcolo strategico, distante dalle reali esigenze dei cittadini. Azione e +Europa, secondo Calenda e Pizzarotti, si schierano con Soru non per una questione di appartenenza ideologica ma perché vedono in lui il candidato con le competenze, l'esperienza e la visione necessarie per guidare la Sardegna.

  "I politici sono persone che fanno un colloquio di lavoro con i cittadini, e i cittadini devono valutare le esperienze e le cose che si sono fatte", continua Calenda, invitando gli elettori a una scelta consapevole basata sul merito e non sulla retorica. Pizzarotti rafforza il messaggio, evidenziando la qualità personale e professionale di Soru: "Penso che le persone capiscano bene la differenza del candidato, della competenza, della sua storia". La fiducia nel discernimento degli elettori e nella figura di Soru traspare chiara, come un faro in una notte di politica spesso buia e confusa. In questa cornice, Sassari diventa teatro di una dichiarazione d'intenti che va oltre la semplice campagna elettorale: è un invito a ripensare la politica come servizio, come impegno verso la collettività, dove il candidato migliore non è quello imposto dall'alto ma quello scelto dalla base, per competenza, visione e radicamento nel territorio.

Politica

Francesco Marinaro: Un ringraziamento e un impegno per il futuro della Sardegna
  Al termine di una competizione elettorale che ha visto la Sardegna al centro di intense discussioni e speranze per il futuro, Francesco Marinaro, candidato dei Riformatori Sardi per la circoscrizione di Sassari, emerge non solo come il secondo più votato del suo partito ma anche come un fervente sostenitore di un cambiamento profondo per l'i...

Autonomia differenziata: Todde contro, tra diritti e voti online
  Una secessione dei diritti, nientemeno. Questo il giudizio lapidario di Alessandra Todde, governatrice in pectore della Sardegna, che non usa mezzi termini nel definire l'autonomia differenziata un "provvedimento indecente" che mina alle fondamenta l'unità e l'equità territoriale italiana, soprattutto per le regioni a statuto speciale. ...

Alghero al Centro-Destra: Truzzu sfiora la vittoria regionale, Fratelli d'Italia cresce
  In una tornata elettorale che ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino all'ultimo, il centro-destra, guidato da Paolo Truzzu, si è fermato a un passo dal traguardo in Sardegna, mancando per poco più di duemila voti su 750,000 la presidenza della Regione. Tuttavia, ad Alghero, la coalizione di centro-destra, civica e sardista, ha motivo di f...

Soru ci riprova, ma stavolta è Camilla: la nuova stella del Consiglio regionale
  In politica le dinastie contano, anche in Sardegna. Le famiglie spesso si intrecciano con le vicende istituzionali un po' come nel caso della famiglia Soru.   A distanza di vent'anni dal debutto di Renato Soru, l'ex governatore e magnate delle telecomunicazioni, nei corridoi del potere regionale, ecco spuntare u...

Sardegna nel post elezioni: Tra mea culpa, "sputi" e polemiche di genere
  Nel vivace scacchiere politico sardo, le recenti elezioni regionali hanno scosso le acque con una forza tale da far emergere, in maniera prepotente, non solo i vincitori ma anche le loro dichiarazioni, cariche di significati e sfumature che meritano una riflessione più profonda. Al centro di questo turbolento mare, troviamo due figure: Paolo...