Verso le regionali sarde: Sondaggi e strategie nel countdown elettorale

  Mentre la Sardegna si avvicina alla fatidica data del 25 febbraio 2024, i venti politici cominciano a soffiare con vigore preannunciando un voto che potrebbe riservare sorprese. I Sardi sono chiamati alle urne per decidere il destino dell'isola per i prossimi cinque anni, e già i primi exit poll offrono un assaggio di quello che potrebbe essere il quadro politico regionale. Secondo un sondaggio dell'Istituto Pierpaoli, le preferenze dei Sardi per la poltrona di presidente della Regione delineano un panorama politico frammentato. Alessandro Todde emerge con un 20%, seguito da un terzetto composto da Cristian Solinas, Graziano Milia e Paolo Truzzu, tutti attestati al 14%. 

  Un equilibrio precario che potrebbe essere spostato da variabili inattese nei giorni a venire. Per quanto riguarda i partiti, la battaglia si annuncia altrettanto serrata. Fratelli d'Italia si colloca in testa con il 17.5%, tallonato dal Movimento 5 Stelle al 17% e dal Partito Democratico al 15%. Un podio che, tuttavia, non garantisce certezze, considerando la variabilità dell'umore elettorale. 

  L'ex presidente Renato Soru e il suo Progetto Sardegna, al momento, sembrano non rientrare nelle preferenze dei Sardi, ma in politica venti giorni sono un'eternità, e ogni previsione potrebbe essere ribaltata da un momento all'altro. In conclusione, le proiezioni delineano un testa a testa tra le coalizioni, con l'incognita dell'effetto che potrebbero avere le alleanze tra i vari partiti. La Sardegna si prepara così a un voto che non è solo una scelta di governo, ma un momento cruciale per il futuro dell'isola. Un'attesa carica di aspettative e incertezze, che tiene i Sardi e i candidati sul filo della tensione.

Politica

Francesco Marinaro: Un ringraziamento e un impegno per il futuro della Sardegna
  Al termine di una competizione elettorale che ha visto la Sardegna al centro di intense discussioni e speranze per il futuro, Francesco Marinaro, candidato dei Riformatori Sardi per la circoscrizione di Sassari, emerge non solo come il secondo più votato del suo partito ma anche come un fervente sostenitore di un cambiamento profondo per l'i...

Autonomia differenziata: Todde contro, tra diritti e voti online
  Una secessione dei diritti, nientemeno. Questo il giudizio lapidario di Alessandra Todde, governatrice in pectore della Sardegna, che non usa mezzi termini nel definire l'autonomia differenziata un "provvedimento indecente" che mina alle fondamenta l'unità e l'equità territoriale italiana, soprattutto per le regioni a statuto speciale. ...

Alghero al Centro-Destra: Truzzu sfiora la vittoria regionale, Fratelli d'Italia cresce
  In una tornata elettorale che ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino all'ultimo, il centro-destra, guidato da Paolo Truzzu, si è fermato a un passo dal traguardo in Sardegna, mancando per poco più di duemila voti su 750,000 la presidenza della Regione. Tuttavia, ad Alghero, la coalizione di centro-destra, civica e sardista, ha motivo di f...

Soru ci riprova, ma stavolta è Camilla: la nuova stella del Consiglio regionale
  In politica le dinastie contano, anche in Sardegna. Le famiglie spesso si intrecciano con le vicende istituzionali un po' come nel caso della famiglia Soru.   A distanza di vent'anni dal debutto di Renato Soru, l'ex governatore e magnate delle telecomunicazioni, nei corridoi del potere regionale, ecco spuntare u...

Sardegna nel post elezioni: Tra mea culpa, "sputi" e polemiche di genere
  Nel vivace scacchiere politico sardo, le recenti elezioni regionali hanno scosso le acque con una forza tale da far emergere, in maniera prepotente, non solo i vincitori ma anche le loro dichiarazioni, cariche di significati e sfumature che meritano una riflessione più profonda. Al centro di questo turbolento mare, troviamo due figure: Paolo...