Report della 37ª Maratona delle Dolomiti

  Il 7 Luglio, 2024, il tema che ha unito più di 8000 appassionati di ciclismo i quali partecipano alla maratona, è stato il cambiamento, il concetto di “Mutatio”, per celebrare la vita dell’uomo, in continuo divenire. Un’occasione anche per riflettere sui costanti mutamenti della società ma anche della natura, questi ultimi causati spesso dall’azione dell’uomo. Saranno circa 8000 i partecipanti in questa gara ciclistica amatoriale, la cui importanza non risiede quindi nella ufficialità della gara, ma invece nei messaggi che anno per anno, questa manifestazione vuole lanciare. Siamo nelle dolomiti e ci avviciniamo al centenario in cui il ciclismo per la prima volta entrò in queste terre, nel 1937 infatti cominciarono, le biciclette, ad essere protagoniste con questi splendidi scenari. Un altro tema di questa iniziativa è la sostenibilità ambientale, per cui anche le automobili che seguiranno e precederanno la corsa saranno elettriche. 

  In questa gara i temi saranno più importanti degli eventuali piazzamenti, son tutti presenti soprattutto per il messaggio che c’è dietro, e per il grande amore verso la bicicletta. 138 km con 4230metri di dislivello, salite importanti per ciclisti che, lo ricordo, sono amatoriali. Una giornata di festa accompagnata anche dalla musica, alla partenza il dj Max Niccolai, poi un gruppo che suona con strumenti assemblati con materiali di recupero, i corni delle Alpi, i campanacci delle mucche ed il racconto della scuola d’arte della zona, che forma gli studenti all’artigianato artistico. C’è spazio in questa mattina, anche per il progetto “Obiettivo tre” che aiuta i ragazzi con disabilità ad affrontare i propri limiti e superarli. “Obiettivo 3” sarà anche presente ai giochi paralimpici ed è stata ideata da Alex Zanardi. In corsa, essendo una gara amatoriale, si potrà scegliere se terminare il percorso breve, quello medio o arrivare alla fine scegliendo la maratona vera e propria, c’è sia chi corre per vincere, e chi invece per ammirare la bellezza intorno, uomini e donne insieme, a pedalare insieme. Anche questo è un bel messaggio, nel giorno in cui comincerà anche il Giro d’Italia Women purtroppo ancora oggi, solo il 12% dei partecipanti è donna. Insieme a loro in gara anche i ragazzi di obiettivo 3, con diversi tipi di disabilità, perché lo sport deve essere anche inclusione. Altro messaggio importante, all’indomani della tragica morte del ciclista André Drege, la sicurezza in gara, specialmente nelle discese, anche in virtù del fatto che molti degli amatori in gara devono evitare di rischiare troppo, non avendo magari l’esperienza per rischiare troppo. Sono presenti in gara oggi anche Colbrelli, Indurain, Aru, Chechi. Ci sono sei punti di ristori, grazie ai volontari. 

  Dopo 54 minuti c’è un gruppetto di 6,7 corridori uomini, che si sono sganciati dagli altri e stanno già scollinando la seconda volta, alcuni di loro faranno il percorso medio ma altri sono favoriti per il lungo. Per le donne Laura Simanc in testa, fa gara solitaria insieme ai compagni di squadra uomini ed è in prossimità del secondo scollinamento. Sul passo Pordoi suonano i corni delle Alpi, mentre la testa della corsa a 1:16:59 arriva al passo Sella dove vengono suonati i campanacci delle mucche. In gara intanto le donne stanno arrivando in cima al Sella mentre gli uomini stanno arrivando in Val Gardena. Dopo 1:48:35 comincia a piovere sulla corsa, 8 uomini al comando decidono di proseguire la gara rispetto al percorso meno difficile tra tutti. Dopo 1:57:31 la testa della corsa degli uomini sta salendo verso il Giau, mentre dopo 2:17:35 abbiamo già il corridore che ha tagliato il traguardo per primo nel percorso breve, quello classico: Thomas Hintner. Non è detto sia il vincitore perché qualcuno partito dopo potrebbe avere un tempo migliore ma la soddisfazione di arrivare per primo nel percorso di casa non si batte. Segue la corsa anche la macchina dei meccanici elettrica, e le forze dell’ordine che garantiscono la sicurezza. I corridori intanto vanno, gli uomini al comando dopo 2:45:03 sono al Giau e stanno cominciando la salita, rimangono per loro 41,5 km da percorrere. A metà del Giau sono rimasti in 4 al comando, mentre i due che faranno il percorso medio sono al comando per il loro percorso. Dopo 3 ore e 16 sono rimasti in due al comando che dovrebbero fare il percorso maratona ed uno solo al comando nel percorso medio. Al percorso medio arriva in prima posizione con 3 minuti di vantaggio Stefan Kirchmair, questo si, un traguardo che decreta il vincitore. Con 3:25:28 arriva anche il 2° del percorso medio Stefano Stagni e 3° R. Zanrossi dopo qualche minuto. Ora l’attenzione sul percorso lungo, accompagnati dalla musica delle fisarmoniche. Negli uomini al comando del percorso lungo, si stacca uno dei tre, e dunque rimangono in due al comando, quando siamo a ridosso (ma non troppo) dal passo Valparola. David Mayo e Giuseppe Orlando si giocano la vittoria del percorso lungo maratona, ormai hanno distaccato tutti gli “avversari”. Intanto Giulia Medri arriva prima al percorso medio, alle 10:44 arriva anche la seconda del percorso medio, scortata da Fabio Aru e Miguel Indurain, che hanno anche loro optato per il percorso medio. A 4:31.25 arriva a vincere la maratona uomini Giuseppe Orlando, in volata con David Mayo. Terzo in questa classifica Tommaso Elettrico. Tra i partecipanti persino una donna fortissima che ha affrontato il percorso breve all’età di 80 anni! L’uomo meno giovane è invece Domenico Richichi di 85 anni! Ed anche Laura Simanc completa e vince il percorso Maratona dopo 5:30:36!

Sport

Grandi emozioni nella quinta tappa della Sardinia Beach Rugby Cup 2024 ad Alghero
  Nella cornice della ventesima edizione del Summerbeach Village, si è svolta la quinta tappa della Sardinia Beach Rugby Cup 2024, organizzata dall'Amatori Rugby Alghero in collaborazione con la Polisportiva Sottorete. Il Lido San Giovanni di Alghero ha accolto squadre e tifosi in una giornata memorabile di sport e competizione. Il torneo, ...

Cagliari attivo sul mercato. Le voci corrono incontrollate
  Cagliari attivo sul mercato. È una delle società che sta provando a muovere le pedine in un periodo di stanca generalizzato. Per comprendere le dinamiche che incidono su una squadra di calcio nel corso di una stagione sportiva bisogna essere sempre beninformati su quello che succede dentro e fuori dal campo, prima, durante e dopo le partite...

14ª tappa tour de France: Pogacar attacca a -4 km e vince staccando tutti
  151,9 km, 4007m di dislivello con pendenza massima del 13,9% e altitudine massima di 2118m, cominciano i Pirenei, si affronteranno come Gpm il Tourmalet, Horquette D’Ancizian, Saint-Lary Soulan-Pla D’Adet, quest’ultimo rappresenterà anche l’arrivo, in salita e difficile. Frazione che potrà determinare gli equilibri in classifica generale,...

7ª Tappa Giro Donne: Bradbury vince dopo 7 km di fuga
  120km, dislivello di 3600m, la tappa della verità per le donne di classifica. Si parte da Lanciano e dopo 4,7km di trasferimento, ci sarà il via alle 10:30. Ritiro prima della partenza per Chiara Consonni, Vittoria Guazzini, Maud Odeman e la Chabbey per la caduta di ieri. Pronte via al km 0 si muove subito Iris Monticolo, inseguita da Gio...

13ª Tappa Tour: Il ritiro di Roglic, Philipsen vince in volata lunga
165,3 km con 1719m di dislivello e appena 337m di altitudine massima con la pendenza massima al 7,8%, 2 GPM di 4ª categoria ed un traguardo volante dopo 88,5 km percorsi. La notizia del giorno è il ritiro di Herrada e soprattutto di Roglic, che non ha preso il via della corsa gialla per le conseguenze della caduta di ieri. In teoria tappa per ve...

6ª Tappa Giro donne: Lippert in fuga da lontano si aggiudica la tappa
  159 km con 2000m di dislivello, tappa mossa 10 salite più o meno dure ed altrettante discese ed un arrivo in salita all’ultimo GPM di Chieti. Le maglie alla partenza sono: Rosa Longo Borghini, Rossa Kopecky Azzurra Emond Bianca. Niedermaier. Non hanno preso il via Kessler Wiel e Pirrone. Le atlete si muovono alle 9:55 verso il km 0 e dop...

È ufficiale, Dalia Kaddari parteciperà alle Olimpiadi di Parigi
L'infortunio muscolare durante la 4x100 agli Europei di Roma non impedirà alla velocista sarda Dalia Kaddari, delle Fiamme Oro, di partecipare alla sua seconda olimpiade dopo quella di Tokyo 2020. È stata ufficialmente selezionata a far parte della squadra italiana verso la seconda Olimpiade a Parigi, nei 200 m e nella 4x100. “Il percorso non è sta...

Sette sardi all”Olimpiade di Parigi
  Sarà un'Olimpiade da record per l'Italia: Parigi 2024 vedrà infatti la partecipazione di 403 atlete e atleti azzurri, un numero che supera il precedente primato registrato alla scorsa competizione di Tokyo con 384. Fra i rappresentanti del Tricolore ci saranno sette sardi (otto includendo Filippo Tortu che nell'Isola ha radici fortissime). L...

Girmay vince la sua terza volata rimontando 15 posizioni, Roglic perde altri 2:27
  203,6 km, 2145m di dislivello e 739m di altitudine massima con pendenza massima del 8,4%, 3 GPM e 1 Traguardo Volante. Giornata buona per le fughe ma forse i velocisti vorranno dire la loro. Ritirato Morkov colpito dal covid. Oggi la neutralizzazione della tappa parte già dai -5 chilometri Foratura prima del km 0 per Ayuso, dovranno aspet...

Focus rossoblù: Davide Nicola al microscopio
  Il Cagliari Calcio, dopo aver sofferto per mantenere la categoria la scorsa stagione, ha deciso di cambiare rotta salutando Mr Ranieri e accogliendo Davide Nicola come nuovo tecnico. Questo cambiamento segna un nuovo capitolo per i rossoblù, e vale la pena esaminare da vicino il nuovo mister. Davide Nicola non è un nome nuovo nel panorama...