I ritratti di Giorgio Saitz: Nenè, icona del calcio e leggenda del Cagliari - un viaggio tra passione e gloria

  Dopo i tre ritratti proposti in questo inizio di percorso, desideriamo continuare la nostra serie di articoli relativa ai più grandi calciatori che hanno vestito la gloriosa maglia del Cagliari con un altro leader indiscusso dell’intera storia rossoblù: il solo, unico ed inimitabile Claudio Olinto de Carvalho per tutti semplicemente “Nene”. Un giocatore- il grandissimo atleta che abbiamo il piacere ed onore di trattare in codesto “pezzo” - nato a Santos (Brasile) nel 1942 e figlio d’arte (il padre Herminio Olinto militava- infatti- nella formazione alvinegra come terzino), che ebbe il privilegio di giocare- prima di vestire la gloriosa casacca della formazione isolana- con campioni del calibro di Pelè e di Carlos Alberto, nel “Pexie” (così è anche sopranominato il Santos), e di Sivori nella Juventus. In queste celeberrime compagini si fece molto apprezzare, dando un notevole contributo sia in fase realizzativa (come centravanti di manovra), sia dal punto di vista umano, conseguendo importanti allori come i tre successi nei campionati paulisti del 1960, 61,62, i due campionati brasiliani del ‘61 e ’62, le due Coppe Libertadores (la Coppa Campioni del Sudamerica) nelle annate ‘62 e ’63 e la Coppa Intercontinentale ottenuta sconfiggendo il fortissimo Benfica di Eusebio sempre nell’anno 1962.

  Questo “solamente” per citare i trofei più importanti. Stagione, quella successiva alla vittoria che portò la formazione brasiliana sul “tetto del mondo”, che vide- inoltre- il giovane e talentuoso campione verde oro trasferirsi all’ottima compagine torinese della Juventus. Un team, quello presieduto dal grande dott. Umberto Agnelli, che cercava in lui un erede dell’ottimo John Charles (trasferitosi al Leeds al termine del campionato 1961-62), ma che invece trovò, nel giocatore sudamericano che stiamo trattando, un centrocampista offensivo (seppur di ottima qualità), ma non un centravanti nel senso più vero e completo del termine. Esperienza, quella piemontese, che terminò- nella prima (ed unica) Stagione in maglia bianconera- con 36 presenze e 12 reti all’attivo tra campionato e coppe, ma (purtroppo) senza nessun trofeo messo in bacheca. Ed è’ (forse) proprio per questa ragione che, nell’annata successiva all’”avventura” torinese, vi fu l’approdo (per 600 milioni di lire, pagati in 4 esercizi) del grandissimo “Nenè” nella formazione cagliaritana allenata dall’ottimo Arturo Silvestri. Una squadra, quella capitanata dal noto difensore Enrico Spinosi (fratello dell’ottimo Luciano), che già annoverava nelle sue fila il grandissimo attaccante Luigi “Gigi” Riva, il talentuoso centrocampista Greatti e il “roccioso” difensore Martiradonna (tanto per citarne alcuni) e dove l’ingresso del calciatore sudamericano consentì di aumentare( non poco) il tasso tecnico e qualitativo del team isolano, creando i presupposti che permisero, al suddetto team, la vittoria( di lì a pochi anni) del celeberrimo Scudetto (nella Stagione 1969-70) che è ancora ricordato con enorme orgoglio da tutti i supporter rossoblù. Un calciatore, il talento proveniente dalla fortissima compagine piemontese, che durante la militanza nella squadra sarda fu schierato prima da ala destra e in seguito come tornante, mettendo a frutto -in codesto ruolo- le sue importanti “doti” calcistiche (la velocità in primo luogo). 

  Peculiarità, quella appena menzionata, che- unita alle sue lunghe falcate e alle sue frequenti “scorribande” - lo fecero diventare un “pilastro”, una bandiera, della compagine sarda nel periodo che andò dalla seconda parte degli anni 60 al primo lustro del decennio successivo, colma- codesta decade- di numerose gioie e soddisfazioni per tutti i tifosi sardi presenti nell’Isola e sparsi in ogni angolo dell’Italia e del Globo. Un giocatore, Nenè, straordinario, non solo in campo, ma soprattutto fuori dal terreno di gioco, con i suoi comportamenti affabili e gentili, sempre disponibile e sorridente verso chiunque, atteggiamenti, quelli appena citati, che lo fecero entrare (ancora di più, nel caso c’è ne fosse bisogno) nel cuore di tutti gli amanti del calcio e non. Una persona, il “brasiliano di Sardegna” (così era stato soprannominato da alcuni) - prima di tutto- “perbene”, vera e genuina, un classico “uomo spogliatoio” e un magnifico compagno di “viaggio” per Riva e compagni, che ha lasciato un ricordo imperituro ed indimenticabile in tutte le persone che hanno i colori rossoblù ben stampati nel proprio cuore. Individui, quelli di fede cagliaritana, che lo inseriscono a pieno titolo nella storia, nella Hall of Fame, della formazione oggi allenata dal mitico Claudio Ranieri. 

  Un “excursus” professionale - quindi - “ricco”, non solo in termini ludici, ma in particolar modo intriso di passione e sentimenti autentici, reali e sinceri (ed è questa la situazione che più ci colpisce) come se ne vedono pochi oggigiorno. Situazione, quella relativa alla carenza di sentimenti, che da una parte ci rattrista, ma che dall’altra ci fa pensare al bel calcio che fu, fatto di uomini con la “U” maiuscola, come l’atleta verde-oro. Nenè, quindi, fiero e valoroso calciatore in campo ma- anzitutto- (ed è questa la cosa più importante) una grande persona fuori, con un’anima “buona” e candida, che è stata, è e sarà - per sempre - nell’affetto e nel cuore di noi tutti.

Sport

Tennis Club Cagliari: Tra imprese sportive e sfide di padel, la gloria è di casa
  Il Tennis Club Cagliari si piazza in prima linea nella scena sportiva, non solo come semplice partecipante ma come vero e proprio protagonista dei campionati a squadre, spaziando dalla Serie B1 alla C, senza dimenticare il padel.   Questo club, che da sempre si distingue per il suo impegno nella promozione e nel...

Shomurodov e Oristanio pronti a risollevare il Cagliari: Empoli nel mirino
  Ecco che si riaccendono le speranze per il Cagliari di Ranieri, squadra che naviga in acque tempestose ma che non ha intenzione di arrendersi. Domenica, nella sfida che sa di salvezza contro l'Empoli, i sardi potranno contare su un rinforzo di peso dall'infermeria: Eldor Shomurodov. L'attaccante, fermo ai box da circa due mesi, è finalmente ...

I pronostici di MR Simon per la 27ma giornata di Serie A
  Carissimi appassionati di calcio, il campionato di serie A riparte con la 27 giornata, vi ricordiamo che il campionato non subirà soste per le nazionali fino al 24 marzo. Come si consueto abbiamo analizzato una TRIS e Ve la presentiamo: Monza vs Roma si gioca sabato 2 marzo ore 18.00 e Sarà diretta dal signor piccinini Il Monza nelle...

Circumnavigando la Sardegna: Carlo Coni ritenta l'impresa ambientale in Kayak
  Nel cuore del Mediterraneo, dove le acque azzurre bagnano le antiche terre della Sardegna, Carlo Coni, figlio di Cagliari, si prepara a riscrivere una pagina della propria vita e della storia di quest'isola.  La circumnavigazione in kayak, un'odissea di 544 miglia attraverso il respiro del mare, non è solo un'impresa...

Il Buggerru Surf Trophy 2024 e l'ascesa delle giovani stelle del surf italiano
  Nelle ancestrali terre della Sardegna, là dove le vestigia minerarie si fondono con l'irrefrenabile forza del mare, Buggerru si appresta a divenire ancora una volta l'arena delle giovani promesse del surf italiano.   È il Buggerru Surf Trophy 2024 a raccogliere sotto il suo vessillo gli azzurrini dell'onda, in u...

Amatori Rugby Alghero: Alla ricerca di riscatto a Monferrato
  Dopo l'ultima sconfitta esterna contro Rugby Noceto, l'Amatori Rugby Alghero si prepara per un altro cruciale incontro in trasferta. La squadra sarda, pur avendo mostrato spirito combattivo nel primo tempo della scorsa partita si è dovuta arrendere all'ennesima sconfitta stagionale con il punteggio finale di 29 a 19. 

Baket Alghero: La Klass Coral guarda ai play-off
  La Klass Coral Alghero è pronta per lo sprint finale nel campionato di Divisione Regionale 1. Ultime tre gare della stagione regolare, oltre alle due da recuperare, prima dei play-off che la formazione algherese non vuole lasciarsi sfuggire. Volata finale che inizia questo sabato con la terzultima giornata di ritorno: questa domenica, 3 ...

Sfida cruciale per la salvezza: Domenica si gioca Empoli vs Cagliari
  Si avvicina la sfida Empoli-Cagliari: 27^ giornata della Serie A 2023/2024. Domenica 3 marzo alle ore 15:00, il Cagliari scenderà in campo contro l'Empoli in trasferta al "Castellani", e questo sarà uno scontro importante per la lotta salvezza. La giornata di campionato che verrà sarà caratterizzata da diversi incroci tra compagini che co...