Pasqua 2024: L'Italia, disneyland dei turisti

  Mentre la primavera inizia a sbocciare timidamente, l'Italia si prepara ad accogliere una vera e propria invasione pacifica: 7 milioni di anime erranti, in cerca di redenzione tra le braccia affettuose del nostro patrimonio artistico e culturale. Sì, perché a quanto pare, il Belpaese si conferma il paradiso terrestre per eccellenza di quel turismo internazionale che, tra una pandemia e l'altra, decide di rispolverare il passaporto per un'avventura pasquale all'insegna dell'arte e della storia. 

  E chi siamo noi per giudicarli? L'indagine di Assoturismo-Cts ci disegna un quadro da capogiro: oltre 7 milioni di presenze nei giorni sacri dal 30 marzo al 2 aprile, con un incremento che farebbe invidia a qualsiasi attrazione di Disneyworld. Ma non è mica finita qui, perché a farla da padrone saranno gli stranieri, con un +3,2% sul 2023, pronti a invadere città d'arte e borghi con la stessa foga di un bambino in un negozio di caramelle.

  La curiosità è palpabile: mentre gli italiani sembrano mostrare una certa ritrosia, frenati da un portafoglio che fa i capricci (-0,8%), i visitatori d'oltrefrontiera non vedono l'ora di gettarsi a capofitto nelle nostre bellezze, ignari del fatto che potrebbero facilmente ritrovarsi in un ingorgo sul Ponte Vecchio o a fare la fila per un caffè in Piazza San Marco. E così, mentre le nostre città d'arte si trasformano nel set preferito dei turisti tedeschi, francesi, svizzeri e chi più ne ha più ne metta, con un'affluenza che promette di lasciare il segno (e qualche monetina in più nelle casse locali), si palesa l'amaro destino delle località marine e termali, destinate a piangere sul latte versato di una Pasqua all'insegna della flessione turistica. 

  Che dire poi degli statunitensi, i nuovi crociati dell'arte, pronti a invadere borghi e città con il fervore di chi ha scoperto solo ora che l'Italia non è solo pizza e mandolino, ma anche cultura, arte e, perché no, qualche buon vecchio borgo da fotografare per Instagram? Sì, cari italiani, prepariamoci a cedere il passo (e forse anche un po' della nostra pazienza) a questi esploratori moderni, in un Paese che sembra sempre più un parco tematico a cielo aperto, dove l'unico rischio è quello di inciampare in un selfie stick mentre si cerca di ammirare il Colosseo. 

  Dunque, accogliamo a braccia aperte questi pellegrini del nuovo millennio, nella speranza che, tra una visita al museo e un gelato artigianale, possano scoprire quel quid di autenticamente italiano che resiste, imperituro, oltre le file, i gadget e le cartoline. E che, magari, una volta tornati a casa, possano raccontare di un'Italia che, nonostante tutto, sa ancora incantare e sorprendere, ben oltre le aspettative di un banale viaggio turistico.

Attualità

Ombre del 25 aprile: Tra celebrazione e realtà storica
  La celebrazione del 25 aprile, con tutti i suoi riti e le retoriche che si rinnovano anno dopo anno, solleva una serie di questioni che spesso rimangono in ombra. Questa data, marcata come il giorno della Liberazione, chiude simbolicamente il capitolo buio dell'occupazione e del fascismo in Italia, ma apre anche interrogativi meno gloriosi, ...

Beppe Grillo a Bruxelles: Un'incursione Tra Ironia e speculazioni sull'IA
  Il 16 aprile, nell'ambiente circoscritto e spesso enigmatico di Bruxelles, il comico genovese Beppe Grillo ha preso la parola durante un Convegno Europarlamentare, immergendosi in un discorso che ha toccato temi che vanno dal mercato del lavoro al futuro del reddito. Con la sua solita verve, Grillo ha evidenziato il concetto che il reddito a...

Lu Bisbà fuori dal riformatorio - Casini su casini nel centrodestra "unito"
  Lu Bisbà è uscito dal riformatorio ma San Marco con fare caritatevole lo ha chiamato a sé dicendo: "figliolo, le porte per te sono aperte, anzi non ci sono proprio porte raggiungimi direttamente nel cielo azzurro". Chissà se risponderà alla chiamata.  San Marco è apparso agli algheresi e qualcuno gli ha chiesto: "ma ...

La Sardegna nello spazio. Depositato un brevetto internazionale
  L’Università degli Studi di Sassari, il Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (CRS4), il Distretto AeroSpaziale della Sardegna (DASS), l’Università degli Studi di Cagliari e l’azienda Tolo Green hanno depositato la domanda di un brevetto internazionale innovativo che contribuirà, grazie alle potenzialità dell’alga spiruli...

Riflessioni sul 25 Aprile: Memoria e imparzialità nel ricordo storico
  La recente censura da parte della Rai del monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile solleva questioni fondamentali riguardanti la memoria collettiva e la libertà di espressione in Italia. Nel suo discorso, Scurati ha richiamato l'attenzione su eventi storici significativi come l'assassinio di Giacomo Matteotti nel 1924 e le stragi nazifascis...

Milano e l'oscura rete dell'odio: Arresto per apologia della Shoah e sostegno ad Hamas
  A Milano, il sipario si alza su un inquietante teatro di estremismo e violenza verbale. Un giovane di 29 anni, di origini egiziane e residente nel milanese, è stato arrestato per apologia della Shoah e istigazione all'odio razziale e religioso. Le sue esternazioni online non solo hanno solcato i confini dell'odio ma hanno anche minato i prin...

L'amore ai tempi del chatbot: Quando la tecnologia fa sposare
  Oggi vi racconto una storia che farebbe rivoltare Charles Dickens nella tomba, non per il pathos romantico, ma per l’assurdità postmoderna che racchiude. Il protagonista di questa vicenda è Alexander Zhadan, un giovane ingegnere informatico di Mosca che, incapace di gestire le dinamiche umane come i comuni mortali, si è rivolto a un assisten...

L'intelligence italiana apre le Porte: Nuovi agenti per la sicurezza nazionale
  L'intelligence italiana sta ampliando le proprie file con la ricerca di nuove figure professionali altamente specializzate. Le candidature resteranno aperte fino alla mezzanotte del 31 maggio 2024, come parte di un processo di reclutamento volto a rafforzare le capacità nazionali di sicurezza. I profili ricercati dall'intelligence devono ...