Cera (FDI): Crisi sanitaria nel Terralbese bomba pronta ad esplodere

  Il Consigliere Regionale Emanuele Cera interviene sulla drammatica situazione in cui versa la sanità in provincia di Oristano dove circa 45 mila persone non hanno più il medico di base e nel terralbese in particolare, in cui, a causa del pensionamento e l'uscita di svariati medici di base, saranno circa 8 mila le persone che, entro la fine dell’anno, saranno private dell’assistenza sanitaria di base. Ci sono poi altre situazioni critiche, come la Guardia Medica di via Carducci a Oristano, in cui, secondo il calendario diffuso dalla Asl 5 la scorsa settimana, era previsto un solo servizio notturno di guardia medica, da cui, alla luce dell’elevato numero di cittadini che risiedono o che fanno riferimento alla città di Oristano, oltre al flusso turistico estivo, deriverà un evidente disagio dalle conseguenze imprevedibili. L’on Emanuele Cera, che ha preso parte agli incontri tenutisi nelle scorse giornate in prefettura a Oristano e poi a Terralba con i comitati per la difesa della salute, esprime fortissima vicinanza alle popolazioni interessate ed esprime grande preoccupazione per i possibili sviluppi, anche sul versante dell’ordine pubblico, per un malessere sempre più diffuso a cui bisogna offrire soluzioni operative immediate. Di seguito il commento dell'on. Emanuele Cera a tale riguardo: “Esiste in Sardegna un evidente allarme sociale per la crisi del Servizio Sanitario, che come denunciato da tanti operatori sanitari, comitati di cittadini, Anci e Consigli comunali, richiede misure urgenti e programmatiche, che permettano di dare risposte credibili e soluzioni concrete all'emergenza sanitaria in atto. 

  Durante la campagna elettorale per le regionali, diversi candidati dell'attuale maggioranza Todde, avevano criticato le azioni poste in essere dalla precedente maggioranza di centro destra e promesso interventi immediati e successive soluzioni strutturali per affrontare la terribile crisi della sanità in Sardegna. Alla prova dei fatti, però, i tanto criticati Ascot e i medici a gettone, introdotti dalla precedente Giunta regionale, appaiono ancora gli unici strumenti operativi che possono immediatamente essere utilizzati per garantire ai sardi un minimo di assistenza sanitaria, così come sembrerebbe ci sia un ripensamento sui medici stranieri, come già successo in altre Regioni d'Italia. Ora perciò, al di là degli slogan e dei proclami del Presidente Todde e dell’assessore Bartolazzi, la triste verità, che è purtroppo sotto gli occhi di tutti, è che questa giunta regionale, non ha la benché minima idea di cosa fare nell’immediato, per invertire la rotta, e affrontare in maniera seria ed adeguata le enormi criticità che stanno portando al collasso del sistema sanitario in Sardegna. Si abbia almeno l’umiltà di ascoltare i suggerimenti e di riconoscere la validità degli strumenti ereditati dalla precedente amministrazione regionale i quali devono essere potenziati. I medici a gettone e gli Ascot, stante l’emergenza in atto, siano immediatamente incrementati e potenziati. A Terralba, in particolare, gli ascot devono essere almeno raddoppiati rispetto alla dimensione attuale e questo deve essere fatto subito e comunque prima che la situazione sfugga irrimediabilmente di mano. Altri sportelli operanti in altri comuni funzionano, e così deve accadere anche a Terralba, visto che nell'immediato non c'è altra soluzione, che si creino le condizioni per farlo funzionare potenziando orari e medici in servizio.”

Politica

Alghero: sicurezza stradale e finanziamenti - Due visioni a confronto
  La comunicazione da parte degli uffici della Regione Autonoma della Sardegna è arrivata ieri: il finanziamento per il progetto di assunzione di unità di polizia locale per la stagione estiva è definitivamente salvo. L'assessorato agli enti locali e quello alla programmazione hanno mantenuto gli impegni. Il Consigliere Regionale on. Valdo di ...

Continuità Aerea, FdI: modello vecchio da rivedere subito. Prendere esempio da Baleari
  Come previsto da FdI, rieccoci al paradosso del bando per la continuità territoriale deserto per l'aeroporto di Alghero. Il nordovest, con una base di viaggiatori più ampia di Olbia, viene snobbato dai vettori. Anche questa volta certamente si procederà con una procedura negoziata, guidata da ENAV e Commissione Trasporti presieduta dal nostr...

Truzzu (FDI): "Depositata la proposta di legge nazionale per abbattere tasse aeroportuali"
“Dopo Friuli Venezia Giulia e Calabria, anche la Regione Sardegna deve disapplicare l'addizionale comunale sul diritto d'imbarco dei passeggeri nei tre aeroporti sardi. Perciò, il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia nei prossimi giorni depositerà una Proposta di legge nazionale per stabilire che, da gennaio 2025, la tassa non si applichi più ...

CONTINUITA' TERRITORIALE, DI NOLFO: SERVE UN BANDO "PROGETTO VOLA SARDEGNA"
«Tanto tuonò che piovve, ma solo sulla Riviera del Corallo». Questo il primo commento dell'unico Consigliere Regionale di Alghero l'on. Valdo Di Nolfo all'indomani all'apertura delle buste del bando della continuità territoriale che ha visto andare deserta la gara per le rotte da a per l'aeroporto Riviera del Corallo. Di Nolfo però non si dice sorp...

Alghero, una giunta al servizio della comunità: La visione di Raimondo Cacciotto
  Ieri mattina, in un'atmosfera di grande attesa, il sindaco Raimondo Cacciotto ha presentato alla stampa la nuova Giunta comunale. Un team che, secondo le sue parole, rappresenta una "vera squadra", destinata a lavorare all'insegna della partecipazione e della condivisione con i cittadini. Questa compagine amministrativa è stata descritta com...

Ghirra (Progressisti): "Rinnovabili si, ma che generino benefici per la Sardegna"
  Il 2 luglio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto "aree idonee" che individua la ripartizione fra le Regioni e le Province autonome della potenza aggiuntiva di 80 GW da fonti rinnovabili (rispetto al 31 dicembre 2020) per raggiungere gli obiettivi al 2030 fissati dal Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC). Regioni...

Alghero: Il ritorno di Selva e la staffetta con Mulas
  Ad Alghero torna nuovamente al centro della scena politica sarda con un curioso balletto di poltrone. Protagonisti di questa nuova puntata sono Raniero Selva e Christian Mulas, coinvolti in questa staffetta politica. Il sindaco Raimondo Cacciotto è pronto a presentare oggi alle 12.30 un nuovo pezzo della giunta comunale, con una conferenza s...

Autonomia differenziata: Zaia vs.Todde, una battaglia tra nord e sud
  Il governatore del Veneto Luca Zaia non ha mezzi termini nell'intervista al Corriere della Sera quando critica la presidente della Sardegna Alessandra Todde sull'autonomia differenziata, definendo la sua posizione "sganciata dalla realtà". Zaia prosegue: "Non giudico gli attuali governatori, ma vogliamo negare che per decenni il Sud ha subit...

Inizio turbolento per il consiglio comunale di Cagliari: Le critiche di Alessandra Zedda
  Il primo consiglio comunale di Cagliari, riunitosi ieri, ha segnato l'inizio del nuovo mandato sotto la guida del sindaco Massimo Zedda. L'incontro, svoltosi presso la Sala Consiliare del Palazzo Civico, è stato caratterizzato da momenti di tensione e da una serie di problematiche che hanno evidenziato le difficoltà della maggioranza e dell'...