La corte costituzionale approva la legge regionale sulla medicina generale

  In un'importante decisione, la Corte Costituzionale ha dichiarato “Non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 1, della legge della Regione Sardegna 5 maggio 2023, n. 5 (Disposizioni urgenti in materia di assistenza primaria)”. Con la sentenza 26/2024 depositata il 27 febbraio, il ricorso presentato dal Consiglio dei Ministri contro una legge che mirava ad affrontare la carenza di medici di medicina generale in Sardegna è stato respinto. La legge, cruciale per l'isola, aveva sollevato il tetto massimo di pazienti per medico fino a 1.800, su base volontaria, come risposta immediata alla penuria di professionisti sanitari. Questo movimento legislativo mirava a garantire il diritto alla salute in zone dove il bisogno era più sentito, evocando l'articolo 32 della Costituzione Italiana. 

  Il disaccordo iniziale era nato quando, il 28 giugno, il Consiglio dei Ministri aveva contestato la legge per presunte questioni di legittimità costituzionale, argomentando che la Regione non aveva il diritto di intervenire in materie di rapporti di lavoro e di sostituirsi alla contrattazione collettiva. La Regione Sardegna, tuttavia, si è difesa evidenziando la particolare configurazione geografica dell'isola, caratterizzata da una dispersione territoriale che rende difficile l'accesso ai servizi sanitari, specialmente nelle zone più remote e nelle isole minori. La Corte Costituzionale ha accolto le argomentazioni della Regione, sostenendo che l'organizzazione territoriale del servizio sanitario può giustificare una deroga ai limiti imposti dal contratto collettivo nazionale. La decisione ha quindi confermato la piena legittimità della legge regionale, riconoscendo l'importanza primaria del diritto alla salute.

  L’assessore della Sanità della Regione Sardegna, Prof. Carlo Doria, ha accolto con entusiasmo la sentenza, definendola una pietra miliare che stabilisce un precedente fondamentale nella tutela del diritto alla salute, anche di fronte a normative nazionali di lavoro potenzialmente obsolete. Il Presidente della Regione, Christian Solinas, ha esaltato il riconoscimento dell'impegno della sua amministrazione nella tutela della salute pubblica. La sentenza non solo legittima le azioni della Regione ma apre la strada a future iniziative volte a migliorare l'accesso alle cure mediche in territori con esigenze particolari come la Sardegna. Questa decisione della Corte Costituzionale segna un momento significativo nel dibattito sulla distribuzione delle competenze in materia sanitaria tra lo Stato e le Regioni, evidenziando come le esigenze locali possano richiedere soluzioni su misura che superano le regolamentazioni nazionali standard.

Cronaca

La fine della II° Guerra in mondiale in Sardegna
  La destituzione e l'arresto di Mussolini, il 25 luglio 1943, non suscitano in Sardegna significative reazioni, salvo qualche manifestazione isolata di giubilo. Che la guerra non sia finita è subito chiaro ai Sardi, che temono ora, dopo quello del 10 luglio in Sicilia, uno sbarco degli Alleati nell'isola. Non sarà cosÌ, invece. Con l'annu...

Arrestato il primario di urologia dell'ospedale Santissima Trinità di Cagliari
  Antonello De Lisa, primario del reparto di Urologia e docente universitario, è stato posto agli arresti domiciliari con l'accusa di peculato e truffa. Il medico 64enne avrebbe svolto attività intra moenia nell'ambulatorio dell'Ospedale Santissima Trinità, senza versare all'Azienda Sanitaria le somme dovute, contravvenendo alla normativa vige...

Sapori di Sardegna: Una battaglia gastronomica tra i giocatori del Cagliari
  A pochi giorni dal pareggio maturato in terra lombarda contro la fortissima Inter, si è tenuto un appuntamento colmo di gioia ed entusiasmo presso la splendida location della Manifattura Tabacchi. Un evento (di stampo culinario) che ha visto sfidarsi "a colpi di pentole e fornelli" due componenti della rosa allenata dall’ottimo mister Claudi...

Grave Incidente sulla SS597: Cinque Feriti in Codice Rosso
  Questa mattina si è verificato un grave incidente sulla SS597 “Di Logudoro”, la strada che collega Sassari a Olbia. L'incidente ha causato la chiusura dell'arteria al km 50,060, in entrambe le direzioni, nei pressi di Berchidda, al fine di permettere le operazioni di soccorso. Secondo quanto emerso, l'incidente è avvenuto probabilmente a ...

Nuove proposte per il rilancio del comprensorio agricolo sardo
  In risposta alle sfide attuali che affliggono il settore agricolo e dell'allevamento in Sardegna, l'Associazione Sindacale Agricola ha presentato una serie di proposte mirate per affrontare le problematiche esistenti e promuovere il rilancio del comprensorio agricolo sardo. La situazione attuale del comparto agricolo è caratterizzata da u...

La giunta Todde blocca i 4 nuovi ospedali di Solinas
  Nel teatro politico sardo, un sipario si abbassa definitivamente sul progetto ambizioso dei quattro nuovi ospedali a Cagliari, Sassari, Alghero e nel Sulcis, lanciato con fervore dal governo di Christian Solinas.  La nuova regia è nelle mani della giunta regionale di Alessandra Todde, che con un colpo di spugna ha ar...

La Futsal Alghero e l'odissea di una "casa" perduta: Un appello al cambiamento
  Nello sport algherese continua a leversi da tempo un grido di disperazione persistente. La Futsal Alghero, portabandiera dell'orgoglio locale, si trova ad affrontare una sfida che minaccia di più il suo spirito combattivo sul campo: la mancanza di un impianto sportivo adeguato nella propria città.   Da luglio, l...