Alghero: Follia di un senegalese al bar - Rissa e aggressione fisica alla polizia locale

  Via La Marmora ad Alghero, ore 19:00 e un fine pomeriggio di follia. Un uomo di colore, chiaramente alterato - probabilmente dall'eccesso di alcol - decide che un bar è il palcoscenico giusto per una rissa con un connazionale, forse per problemi di droga.

  Non una scaramuccia qualunque, ma un teatro di violenza che trascina nel suo vortice anche la polizia locale, chiamata a sedare gli animi infuocati. 

  Il copione è sempre lo stesso in queste situazioni: gli agenti della polizia locale arrivano, tentano di calmare l'uomo, ma la tensione esplode.

Risultato? Oltre alla polizia locale, scatta l'intervento dei carabinieri, e non dimentichiamoci dell'ambulanza del 118, sempre pronta a raccogliere i pezzi di una società che si infrange. Pare che inoltre l'extracomunitario abbia dato in escandescenza pure all'ospedale creando non pochi problemi agli operatori sanitari.

  Si parla tanto di fragilità, di categorie protette, di minoranze. Ma quando queste stesse categorie sfondano la porta della civiltà con atti di pura violenza, ecco che le regole cambiano.

  Gli agenti, con le mani legate da protocolli che tutelano tutti tranne chi dovrebbe far rispettare l'ordine, hanno serie difficoltà ad intervenire in queste situazioni. 

  Forse è ora di chiedersi se in nome della protezione di alcuni, stiamo sacrificando la sicurezza di molti. 

  La morale? Non aspettatevi la solita tiritera sulla comunità scossa. Alghero oggi è stata l'esempio, non raro in altre parti d'iItalia, di una realtà in cui la vera fragilità è quella di un sistema che fatica a proteggere le persone. 

  Lasciamo le polemiche da tastiera agli esperti del nulla: è il momento di guardare in faccia la realtà, cruda e dura. Non possiamo affidare il nostro ordine solo alle mani di chi, per legge, non può stringere i pugni.

Cronaca

Tragedia sulla SS 125: Muore centauro di 54 anni
  Nel territorio di Urzulei, lungo la SS 125, si è verificato un tragico incidente che ha causato la morte di un centauro di 54 anni. L'uomo è stato sbalzato dalla moto dopo un violento urto con un autoveicolo. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime. Immediatamente dalla centrale è stato attivato Echo Lima 3, l'elisoccorso dell'Ar...

Alghero: Arrestati due truffatori di origine campana
  Nel pomeriggio di venerdì, i Carabinieri della Compagnia di Alghero hanno arrestato in flagrante due individui di origine campana: un uomo di 53 anni e una donna di 23 anni. I due sono accusati di aver orchestrato una truffa ai danni di un'anziana signora di 73 anni. Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, in tarda mattinata i...

Incendi in Sardegna: Un intervento aereo per spegnere le fiamme a Pimentel
  Ieri, in Sardegna, il fuoco ha imperversato con quattro incendi sul territorio regionale. Tra questi, uno ha richiesto l'intervento aereo del Corpo Forestale, evidenziando ancora una volta l'incapacità delle istituzioni di prevenire e gestire efficacemente le emergenze ambientali. L'incendio più significativo si è verificato nel comune di...

Allevatori sardi fortemente penalizzati dalle regole PAC: Un disastro annunciato
  Le regole della Politica Agricola Comune (PAC) 2023/2027 si rivelano un autentico massacro per gli allevatori sardi. A causa di una norma mal concepita e applicata attraverso il portale Classy Farm, migliaia di aziende di allevamento ovino, caprino e bovino in Sardegna perderanno circa 30 milioni di euro di aiuti PAC per il 2023. Questo disa...

Chi è Carlo Acutis, il Beato morto a 15 anni che diventerà Santo
  Carlo Acutis è stato un giovane italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica. Nato a Londra il 3 maggio 1991, Carlo Acutis ha trascorso gran parte della sua breve vita a Milano. La sua storia è straordinaria e ispiratrice. Il Beato Carlo Acutis diventerà Santo: è quanto annunciato dalla sala stampa vaticana a seguito dell’autorizz...